Pubblicato il in News, Poker

Montagna nter    

 

 

     Corrado Montagna nelle classiche interviste del dopo partita.

      Sotto durante un sit&go di riscaldamento

 

 

 

 

Montagna pausa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come insegna madre chiesa, chi entra papa in conclave esce cardinale. E’ successo a Corrado Montagna, dato per favorito, anzi strafavorito, anzi fin troppo favorito, che poi si dovuto “accontentare” della seconda piazza.

Il che, intendiamoci, non è un cattivo risultato, visto che ventimila euro di premio non sono bruscolini, per non dire del programma tv (in onda ai primi di gennaio su Italia 1) che lo vedrà “bucare” il video fino alla fase più emozionante e accrescere ulteriormente la sua già vasta fama. Nessun dramma, insomma, per un personaggio ben rodato dalle imprese di Las Vegas (a tutt’ora nessun italiano ha fatto meglio di lui nella capitale mondiale del gioco) e portato per natura a una visione della vita sanguigna ma rasserenante, tipica del resto della sua terra d’origine: l’Emilia Romagna. Nato a Parma 32 anni, Corrado vive ad Albinea, provincia di Reggio, e conserva ancora qualche avita proprietà in quel di Sabbioneta, piccola capitale gonzaghesca da poco dichiarata patrimonio dell’umanità. Il ragazzo, insomma, non se la passa male e un tempo lo si sarebbe detto di buona famiglia. Un certo tratto nobiliare del resto non gli manca: si concede con classe in un misto di cordialità, buona educazione e aristocratico distacco.  Buoni studi alle spalle (maturità classica e poi giurisprudenza interrotta a pochi esami dalla laurea) ha da poco liquidato un american bar un po’ perché si era stancato di stare dietro al banco e un po’ per dedicarsi al poker senza vincoli d’orario. Ironicamente, si auto definisce un “disoccupato”, e in un certo senso ha ragione. Certo, è un disoccupato di lusso, visto che il suo conto in banca si allunga a vista d’occhio, un torneo dopo l’altro. Prima d’iscriversi all’ufficio di collocamento, di strada ne deve fare ancora molta.