Pubblicato il in News, Poker

 

 

Questo numero 7 del nostro video-blog (ed essere arrivati fin qui è già motivo di soddisfazione) doveva essere interamente dedicato al gioco del poker nel suo concreto: purtoppo (o per fortuna) abbiamo dovuto darvi alcune notizie importanti e, alla fine, quando siamo passati alle carte, mezza trasmissione se n’era già andata. Il tempo tuttavia è stato sufficiente per raccontarvi una mano della nostra lettrice-giocatrice marg986, che di tanto in tanto si lagna della sua cattiva sorte. La giocata è avvenuta in un torneo da 10 euro di buy-in, e quindi già di buon livello. Marg solleva un AK suited, certamente un buon punto di partenza (contro una mano presa a caso vince nel 66 per cento dei casi) che va sicuramente giocato con buone aspettative. La nostra amica non ha esitazione, e pigia il tasto All-In. Invece del fuggi-fuggi generale, ben quattro giocatori vanno a vedere. Prima ancora del flop, si materializzano sul tavolo le seguenti combinazioni: l’AK di Marg, un AJ, un 79, un 88 e un A10 suited. A questo punto le possibilità per il punto teoricamente più forte scendono al 28 per cento circa, perché AK se la gioca quasi alla pari con 88 che vince nel 24 per cento dei casi. Per le altre mani, compreso il negletto 79, le possibilità si attestano attorno al 15 per cento. Nel video raccontiamo il finale. Qui preme solo considerare che una mano similmente giocata si avvicina pericolosamente a un giro di bingo. Eppure era solo la mano numero 14 del torneo, i bui non incalzavano, e nessun player era costretto all’All-In della disperazione. Noi non facciamo la morale a nessuno: ognuno giochi come vuole, ma non se la prenda col server se finisce fuori dal torneo. Alla prossima!

🙂