Pubblicato il in News, Poker, World Series Of Poker

 

È difficile descrivere l’impressione che può dare una città come Las Vegas. Molto può dipendere da come e quando ci si arriva. In aereo, al tramonto, dopo aver attraversato infinite distese di desertico nulla, atterrando nel cuore della città le siluette di hotel e casinò appaiono come tante, enormi sagome nere in uno sconfinato set cinematografico. Il tempo di ritirare il bagaglio, uscire dall’aeroporto e il primo impatto è con il caldo torrido che avvolge strade, vicoli e anfratti trasportato da un lieve vento rovente, come di mille ventilatori che soffiano da altrettanti forni aperti. Saliti sul taxi, dopo aver aspettato il proprio turno rigorosamente in fila ordinata, ci si proietta tra le mille luci colorate che disegnano i profili dei palazzi, le immense insegne al neon che promettono divertimenti inimmaginabili, i fasci di luci bianche che solcano il cielo fino alle sue più remote profondità. Si rimane storditi, la prima sera a Las Vegas, storditi dalla caleidoscopica policromia che regna in ogni dove ed è bello lasciarsi cullare in questo onirico torrente multicolore.

Tutt’altra impressione è quella che la città restituisce la mattina, appena svegli, gettando lo sguardo dalla parte di vetro di una delle innumerevoli suite che dominano lo skyline. Pietrose distese aride cosparse di cemento e ferro, un pregiato oggetto di bigiotteria gettato in un deserto.

Las Vegas è una donna non particolarmente bella, ma che sa vendersi. Di giorno appare stanca, lenta sotto un cielo implacabile parco di nuvole; ma di notte, indossato il suo abito migliore, un perfetto maquillage ed è pronta a sfoderare un fascino seducente a cui è difficile resistere.

Las Vegas è una perfetta macchina del divertimento: una volta entrati in uno degli spettacolari casinò, è impossibile non lasciarsi travolgere. Eppure noi siamo qui per qualcosa di più di un giro alla roulette o uno spettacolo carnevalesco. Le World Series of Poker ci attendono e noi siamo qui per raccontarvele…

…to be continued…

m.