Pubblicato il in News, Poker, World Series Of Poker

 

 

Il palco delle WSOP

attende di ospitare

il campione 2011!

^Clicca per vedere il video^

L’attesa è finita. Siamo da dodici giorni qui a Las Vegas e ne abbiamo viste davvero di tutti i colori, vissuto emozioni uniche che abbiamo cercato di raccontarvi attraverso il nostro blog e le nostre dirette. Oggi, finalmente, parte il Main Event, l’ultimo appuntamento, il più atteso il No Limit che mette in palio il braccialetto più ambito.

Stanotte si è concluso l’evento più prestigioso delle WSOP, il Poker Players Championship da 50mila dollari di buy in e a cui hanno partecipato tutti i più grandi giocatori del mondo. L’heads up finale ha visto scontrarsi Phil Hellmuth, vincitore di ben undici braccialetti, e Brian Rast, un braccialetto in carriera per lui. Nonostante partisse decisamente avanti, il pluricampione californiano è risuscito a perdere il suo terzo heads up alle World Series di quest’anno, senza però compromettere la sua candidatura al titolo di Player of the Year.

Ultimo giorno anche per il No Limit da 1,500 dollari, il primo evento che non ha visto nostri giocatori itm, ma che vede l’amico Massimo Di Cicco (clicca per ascoltare l’intervista esclusiva da Las Vegas) nella “top 40” e proiettato verso un sogno. Partiranno alle 14:30 e non mancheremo di aggiornarvi in tempo reale, come sempre.

Intanto, dopo il Black Friday delle poker room “.com” si attende un sensibile calo dei partecipanti e partono le scommesse sui numeri dell’evento. Nessun giocatore People’s sarà impegnato oggi, ma potremo comunque seguire le prestazioni di tanti amici italiani che ci hanno fatto compagnia in questi giorni, come Filippo Candio (clicca per ascoltare la sua intervista sclusiva da Las Vegas!), Francesco De Vivo, Marco Traniello, Erion Islamay e Flavio Ferrari Zumbini.

Alle 12 partenza con lo stentoreo Dealers, shuffle up and deal!, il più famoso, il più atteso da ogni giocatore di poker. Sale la tensione e non importa quanto si sia esperti: anche i veterani sentono l’adrenalina salire e riti scaramantici si sprecano. C’è chi arriva scalzo sotto il sole cocente, le scarpe in mano e saltellando sull’asfalto rovente. Qualcuno non cambia maglia da giorni e un giocatore si aggira da una settimana in vestaglia e ciabatte. Un altro indossa un paio di pantofole in montone e fuori ci sono più di 40°. Le WSOP si rivelano un circo dai mille colori, dove le stravaganze superano ogni immaginazione… e noi siamo qui per raccontarvele…

Ore 14:45 Prime nuove dal main…

Dalla sala Amazon Silvio Crisari ci porta la notizia che Filippo Candio ha già spiccato il volo, raddoppiando lo stack da 30mila senza fare double up, ma giocando in modo aggressivo e facendo valere la propria fama. Ovviamente indossa il maglioncino a righe, immancabile portafortuna passato alla storia grazie al fenomenale November Nine dello scorso anno.

Ore 17:00 Il donk colpisce alle WSOP…

Una mano incredibile, degna del più grande donk del poker e assolutamente inaccettabile in un torneo come il Main Event delle WSOP: Francesco De Vivo, con AA e un flop Q 8 2 rainbow, manda i restie viene chiamato. Turn J, river 10 e l’avversario gira AK. Francesco non ci crede… la sua avversaria nella mano lo ha chiamato con niente in mano, chiudendo una scala runner runner…in un torneo da 10mila dollari di buy-in!

 

Ore 22:30 L’Italia qui alle WSOP… (e intanto cominciano i preparativi per la Tappa di Novembre qui a Las Vegas!)

La notizia di oggi è senz’altro che l’amico Massimo Di Cicco è itm all’evento #56. Mentre si gioca il final table, festeggiamo con piacere il suo 35° posto che ha portato una vincita di 18mila dollari. Incrociamo la “cricca” degli italiani in pausa che ci aggiornano sulla loro situazione: Filippo Candio ha 60mila chips, 50mila per Flavio Ferrari Zumbini e Stivoli, soffre il re del chip trick Erion Islamay con sole 6mila…

Intanto oggi è arrivato a Las Vegas anche Mike D’Onofrio, che ci ha raggiunto al Rio per definire gli ultimi particolari sulla tappa del PPTour che si terrà proprio qui a novembre, a ridosso del November Nine, in uno dei casinò della Caesars…

Insomma: noi di People’s cominciamo a sentirci sempre più di casa, qui a Las Vegas…voi restate “collegati”, perché continueremo a vivere insieme le nostre World Series Of Poker 2011…in attesa del “People’s November”!

 

m.