Pubblicato il in News, World Series Of Poker

il nostro team in compagnia di qualche simpatico “intruso”!

 

9 0ttobre, qui a Nova Gorica è tornato il sole e anche noi speriamo di chiudere in bellezza questa giornata. I nostri campioni arrivano nell’arena del Perla compatti come sempre: con i tre protagonisti del tavolo finale – Vito, Giuliana e Demy – c’è il nostro Ciccio Iannì. Come abbiamo già raccontato, Demy è stato eliminato per primo, in ottava posizione. Ma, ovviamente, è anche lui qui a dare il suo supporto agli altri due giocatori. Siamo tra i candidati alla vittoria, però abbiamo bisogno che ci assista un po’ di fortuna: Vito e Giuliana sono i più corti al tavolo, con 50 e 64mila chips. I bui sono altissimi: 8.000/16.000. Si dovrà provare a raddoppiare immediatamente.

Purtroppo passano soltanto 5 minuti e ci ritroviamo a deporre le armi. Prima Vito, poi Giuliana, hanno mandato i resti in due mani consecutive. In entrambi i casi sarebbe servito un Jack, ma oggi sembrava li avessero tolti dal mazzo! Vito è settimo e Giuliana sesta: racimolano altri 36 punti, che ci portano a 199. Chiudiamo dietro a GD Poker di 2 soli punti. Nel frattempo il torneo va avanti: la quinta classificata è Carlotta Bulgarelli, del team Winga, che regala alla sua squadra 25 punti, che fanno chiudere il team della bella giocatrice ligure in quinta posizione, a 147 punti. Restano in quattro, con entrambi i giocatori del team Unibet seduti al tavolo. Unibet comincia a sperare nella vittoria: solo il piazzamento dei suoi al 3° e al 4° posto impedirebbe alla terza squadra in corsa di vincere. Poco dopo anche Nicola Ventola è eliminato: il suo quarto posto vale 32 punti e il team BetPro chiude la competizione a 101 punti, in quinta posizione. Questo vuol dire anche che tra i due litiganti si è inserito il terzo, che ha fregato tutti! Con un gioco di squadra non molto apprezzato dai presenti al tavolo, il team Unibet è riuscito a strappare il titolo di questo primo Challenge, davanti a GD Poker e People’s, che si erano contese il primato in classifica sin dall’inizio, a suon di risultati. Nel frattempo Dario Alioto, che ha aggredito il tavolo come solo un grande campione sa fare, ha davanti una montagna di chips. La utilizza per eliminare Marco Della Monica e arrivare all’heads up finale da “Golia”, contro un Matteo Urzia “Davide” che difficilmente potrà riuscire nell’impresa. L’heads up finale, infatti, dura due sole mani: nella prima Urzia raddoppia trovando un improbabile colore, partito con 3-6 contro A-10. Nella seconda ci prova ancora, ma il J-7 trova l’A-J di Alioto. Parte dominato e stavolta la mano di Alioto regge. Il campione del mondo vince il Main Event e regala, con i 75 punti conquistati, il quarto posto a Sisal Poker, la sua squadra.

Di questo evento ci rimarrà una bellissima settimana di ricordi: primi su tutti i gesti di lealtà di campioni come Erion Islamay e Carla Solinas, o Niccolò Caramatti e Maurizio Guerra: compagni di squadra che si scontrano eliminandosi in un evento in cui avevano giocato addirittura il Jolly. La tattica, la strategia, hanno lasciato il posto alla lealtà, per far vincere lo sport…

Ci rimarranno le gag davanti (e dietro) alle telecamere dei giocatori di Snai Poker, primo su tutti Riccardo Lacchinelli: la loro simpatia è direttamente proporzionale alla sfortuna ai tavoli…hanno già programmato il prossimo torneo a Lourdes! E come non pensare all’incredibile numero di vasche che Carlotta Bulgarelli ha fatto in questa settimana nella piscina della “spa” del Perla: perfetto esempio di una vita sana ed equilibrata, che aiuta la player a trovare la concentrazione per le interminabili ore in cui si sta seduti ai tavoli.

E come non ricordare le incredibili imprese dei nostri – con due secondi posti, un primo posto e tre giocatori al tavolo finale del Main Event – le mani sfortunate, i sorrisi, le gioie, l’amarezza finale.

Il ringraziamento più sentito va ai nostri ragazzi: Vito, Giuliana, Francesco, Demy, Gianluca, Ivana, Salvatore e Daniele. Dal primo all’ultimo ce l’hanno messa tutta per provare a regalarci questa gioia. Ci hanno fatto sognare dall’inizio alla fine: i bookmakers che hanno quotato l’evento ci davano sfavoriti. I nostri otto erano arrivati al Perla con tutta la voglia di mettersi in gioco, con il peso di una bella responsabilità. La squadra ha messo in campo tutti i suoi valori, dalla tecnica al carisma, dalla lealtà allo spirito di gruppo. È mancato il colpo finale, ma non possiamo rammaricarcene, perché non si può lottare contro il fato. Nei saluti finali, dall’arena del Perla, entra in scena Carla Solinas, del team GD Poker, visibilmente emozionata: è la più bella testimonianza di stima e affetto che potessimo aspettarci. Torniamo a casa con una nuova consapevolezza:  si può essere rivali ai tavoli, ma se riesci a guadagnarti la stima del tuo avversario, hai raggiunto comunque il tuo obiettivo e conquistato il più bel risultato…

Queste sono le emozioni che, personalmente, mi riporterò a casa: GRAZIE, RAGAZZI! 

…e, per provare a consolarci, ora ci facciamo una partitella al Bingo!

if   🙂