Pubblicato il in News

 
Rieccoci, a parlare di donne e poker, come promesso. Questo discorso è più intricato  e complesso di quello che si pensa, perché ci propina, sul suo cammino, delle facili cadute: facile inciampare, finendo per allontanarsi da ciò che si vuole dire davvero, e arrivare a scadere nella banalità di certi luoghi comuni che sono davvero dietro l’angolo.
La volontà di questi articoli non è quella di dimostrare quanto le donne nel poker siano vittime di una mercificazione del proprio corpo (perché spesse volte sono loro stesse a volerlo) né tantomeno di quanto esse possano essere, essendo dotate di un maggiore intuito, più furbe, sottili e brave rispetto al comparto maschile. No, l’intento è solo di delineare la situazione attuale attraverso le gesta di alcune delle nostre giocatrici conosciute durante i nostri live, cercando così di incuriosire e invogliare altre donne a sedere ai nostri tavoli e sfidarsi in quello che propriamente è uno sport da uomini.
In questo cammino, un posto d’onore spetta  alla nostra ex Pro, forse (non me ne vogliano gli altri) la più conosciuta e mediatica del gruppo dei professionisti People’s Poker: Giuliana Celestini,  non solo player professionista, ma anche caposquadra di un Team, quello Flop60 che sempre più sta riuscendo a far avvicinare a questo sport nomi nuovi e, soprattutto, rappresentanti del gentil sesso (se ne contano sei in squadra!). La giocatrice di Tarquinia, ex campionessa di basket, inizia a giocare a poker per imitare il padre nella classica specialità a cinque carte: poi, con il divieto di praticare il gioco nei circoli, si riversa sui tavoli virtuali ed abbraccia il gioco on-line. Inizialmente un ripiego quello che diverrà in seguito un vero e proprio lavoro a 360gradi: Flop60 riporta una serie di successi tali per cui si ritrova in testa alla classifica pro del People’s Team e può apporre, per due anni di seguito, il titolo di giocatrice professionista della prima poker room italiana, accanto al suo nome. L’impatto mediatico è immediato, la percentuale di donne al nostro PPTour cresce di tappa in tappa, anche grazie al suo ingresso in squadra: l’immagine, una volta tanto è quella di una donna forte, brava, che ce l’ha fatta in questo mondo così a tratti maschilista, senza bisogno di esibire nulla! La ribattezzata “saggia” del poker, è riuscita quindi, al di là dei grandi risultati a dare anche un’ importante lezione a chi continua a credere che questo sia un gioco da uomini o da donne pin-up, e per questo a lei va un doveroso ringraziamento, per aver allargato le fila delle appassionate del Poker. Non ultimo un ulteriore riconoscimento delle sue doti di giocatrice e leader viene proprio dal contratto, firmato in questi giorni, che la vede entrare trionfalmente nel Team Pro di un nostro affiliato, come a dire che chi semina bene poi raccolgie i frutti. Quindi…in bocca al lupo Giuly e…continua così!
Tante sono le personalità tra loro diverse ma tutte molto caratterizzanti che popolano l’universo femminile di casa People’s Poker: una di queste è senz’altro la moretta pugliese tutto pepe, margot, che nella vita risponde alle generalità di Sara Augenti, famosa non solo per aver sposato il noto ladro, Arsenio Lupin (leggi TotiBond). Come la sua omonima nei cartoni, anche la nostra Fujiko, questo il suo vero nome d’origine giapponese, ad un certo punto inizia a fare da sola: appende al chiodo l’uncinetto e si mette ai tavoli da gioco, iniziando a riportare un successo dietro l’altro. Del resto è una ladra abile e scaltra, capace, anche grazie al suo fascino, di arrivare dritta allo scopo e rubare il tesoro anche allo stesso Lupin di cui a volte è diretta rivale: sembra proprio la descrizione della nostra Sara che in più riprese supera il suo stesso maritino veterano del poker e scrive un ITM dopo l’altro portando a casa il malloppo.
Continuiamo ad aprire il ventaglio delle nostre Ladies (almeno quelle che fin’ora abbiamo avuto il piacere di conoscere) e passiamo da una mora ad una bionda, pur restando in terra pugliese: parliamo di Paola Vella, in arte BabyJoker. Determinazione e carattere da vendere celati dietro un eterno sorriso e un corpo che difficilmente passa inosservato: questa sinteticamente la descrizione della nostra amica, ma solo per chi non la conosce bene! Sì, perché a conoscerla a fondo si finisce per aggiungere a tutto ciò una spontaneità ed una schiettezza oltre che una generosità che la rendono una persona rara, non soltanto nel mondo pokeristico! Paola nasce come giornalista sportiva all’interno degli eventi live e poi ci prova come giocatrice, spronata forse anche lei dal compagno Arnaldo Vergari: il suo miglior risultato live la porta su Italia1, nel programma Poker1mania, in occasione del Pink Table della tappa di Campione valido il Ladies Championship di Las Vegas. Si ferma solo all’heads-up, nonostante partisse in clamoroso vantaggio, e lascia il ticket nella mani di Sharon Mantella, altra forte personalità femminile del nostro poker. Passiamo proprio a raccontare la storia dell’esuberante player romana: la giunonica giocatrice esordisce nelle sale da gioco come dealer per poi passare a protagonista del tavolo; dopo alcune tappe con noi vince il sopracitato Tavolo Rosa, battendo giocatrici quotate del calibro della nostra Pro Giuliana, le due bellissime quanto brave testimonial Szilvia e Krisztina e, in ultimo, la Vella. Del resto dobbiamo dirlo, buon sangue non mente: Sharon il gioco ce l’ha nel dna perché figlia d’arte: il padre è Umberto Cianfanelli, da tutti riconosciuto un pioniere del gioco del poker, oltre che un professionista del cash game, di fama nazionale, da cui Sharon ammette candidamente di aver appreso velocità di pensiero, size, tells e tutte le sfumature di questo sport che ammette di amare. Ma Sharon non è l’unica ad esser passata dal dare al ricevere le carte: anche Mihaela Marculet, meglio conosciuta come Misha, ha fatto il salto di qualità ed oggi è uno dei volti più noti del panorama pokeristico nazionale. Assidua frequentatrice dei più importanti circuiti live italiani non poteva mancare al nostro PPT: arriva perciò a Campione, dove debutta con un ITM, il miglior risultato femminile di tutto l’evento e il conseguente ticket per il Ladies Championship di Las Vegas! Non male davvero, e a tutto ciò va aggiunto che Misha ha già vinto le qualificazioni anche per la tappa di Saint-Vincent, in una delle prime serate utili e dunque sarà con noi anche al Casinò de la Vallée, a partire dal 23 Febbraio. Ma torniamo per un attimo a Campione: dobbiamo sottolineare anche un’altra ottima prestazione femminile: quella di CASPERINO, alias Erica Parlati: anche lei sposa di un giocatore veterano e, anche lei, come le altre, capace di superare il maestro: un aneddoto infatti ci narra che l’ indifeso fantasmino è riuscito, nel primo evento online che ha giocato (addirittura alla sua prima mano)  a “buttare fuori” proprio la sua dolce metà, Saverio De Lorenzis, strappandogli di mano il ticket per la tappa. Tappa che l’ha vista impegnata non solo nel Main Event (dove ha riportato un ITM) ma nello shoot-out del Pink Table e nel tavolo televisivo Special WSOP. Ovviamente, anche lei promossa  a pieni voti e rimandata al prossimo evento live, dove speriamo di ritrovarla tra i tavoli.
E ancora, tra le ladies dei nostri eventi dobbiamo doverosamente salutare un’altra presenza decisiva, la bresciana Valeria Bergomi, altra player professionista nonché seconda classificata al Ladies Challenge di Nova Gorica. Come il simbolo della sua città, Valeria è una vera e propria leonessa, molto caparbia e determinata: essendo una player professionista di un nostro affiliato, la ritroveremo nella tappa di Saint-Vincent, nostro prossimo evento live. E, a proposito della nuova tappa, al momento c’è solo una donna qualificata, la già citata Misha, anche se molte altre hanno già vinto la qualificazione in tornei privati organizzati dai Concessionari: tra questi nomi c’è anche Simona Larioli, ai tavoli popotta71, con noi già nell’evento live di Campione e Nova Gorica, anche se non assistita dalla fortuna. Tenterà di rifarsi a Saint-Vincent: noi, ovviamente le facciamo il nostro in bocca al lupo! E con lei chiudiamo questo articolo, dandovi appuntamento al prossimo: vi salutiamo con un invito, rivolto a tutte voi che giocate sia il live che l’online: siamo curiosi di conoscervi tutte, perciò, lasciate pure un messaggio al di sotto dell’articolo o una email a blog@peoples.it, saremo felici di celebrarvi nel prossimo “pezzo” in rosa!