Pubblicato il in News, Poker, World Series Of Poker

I nostri Pro a Kranjska Gora... clicca e guarda l'intervista!

Le World Series of Poker 2012 sono giunte al 35° evento e da Las Vegas giunge una piacevole notizia. La seconda, dopo quella del 12° braccialetto di Phil Hellmuth, conquistata dal “Poker Brat” una settimana fa: la vegasiana Allyn Jaffrey-Shulman ha vinto il Seniors No-Limit Hold’em Championship, interrompendo così quella sorta di maledizione delle quote rosa alle WSOP. Da tre anni, infatti, una donna non vinceva un braccialetto (Ladies Event a parte), vale a dire dal trionfo di Vanessa Selbst nel Pot-Limit Omaha da $1,500 nel 2008. Stesso anno in cui il runner up della Shulman Dannis Phillips si classificò terzo al Main Event, alle spalle di Peter Eastgate e Ivan Demidov.

Ma la notizia principale dalle WSOP 2012 è che da qualche giorno il Rio Casinò si è tinto di verde, bianco e rosso. Domenica scorsa sono infatti atterrati al McCarran i nostri Pro, pronti a vivere una nuova avventura carichi di buoni propositi ed un pizzico di emozione. Molto diversi gli stati d’animo con cui i tre affronteranno la trasferta.

Walter Ferrero

 

Per Walter Ferrero il cammino riparte direttamente dal 259° posto ottenuto al Main Event del 2011, un risultato straordinario, ma anche una grande responsabilità. Il nostro ferry89 dovrà infatti dimostrare di essere maturato e non commettere più quel banale “errore di gioventù” che gli costò caro lo scorso anno e che lo ha tormentato per giorni: dopo una tribet dell’UTG e l’all-in di un avversario da MP, Walter chiamò da fuori posizione con AQ, per scontrarsi contro una coppia di Dame.

Gaetano Preite

 

Anche Gaetano Preite è alla sua seconda esperienza e sa che per il suo stile di gioco, per l’atteggiamento che ha al tavolo, dovrà temere un solo avversario: se stesso! Aggressivo e spavaldo per natura, dovrà tenere presente che in un MTT della portata di quelli delle WSOP il pot control è fondamentale. L’anno scorso rischiò di uscire dal Main già al Day 1, quando dopo uno show down un po’ troppo “spinto”, rimase con talmente poche chips da credere di essere stato eliminato. Fu richiamato al tavolo dal dealer, quindi iniziò una straordinaria rimonta che lo riportò in average in meno di mezz’ora. Oggi i suoi post da Las Vegas recitano così: (10 ore fa) È mai possibile che ad ogni torneo ultimamente devo rimare con quattro fiche dopo neanche il secondo livello..? (9 ore fa) Inizia la rimonta… (8 ore fa) Rimasti 600 su 1600, ora esiste una sola azione.. Reraise… Si bulla il tavolo… (2 ore fa) Che amarezza al deep stack, su 1600 mi fermo al 200° posto con tanta tristezza per la mano che mi ha fatto uscire…

Forza Gaetano e non lasciare che Don Tano prenda il sopravvento!

Mauro Fischietti

 

Con l’entusiasmo di un bambino che per la prima volta varca i cancelli di Disneyworld, Mauro Fischietti fa il suo debutto alle WSOP e lo fa da protagonista: con la maglia da Pro di People’s Poker. Da quando ha vinto il campionato online del 2011, Las Vegas è il suo chiodo fisso. Non riesce a pensare ad altro e chi gli starà accanto nelle immense sale del Rio avrà il difficile compito di tenere a bada la sua personalità, già di per sé esuberante e che la travolgente atmosfera delle World Series of Poker non può che aver… peggiorato. Sono certo che il nostro toscanaccio dividerà equamente il suo tempo tra i tavoli verdi e le prelibate stake house del casinò, per soddisfare le sue due grandi passioni e tornare a casa con la pancia piena di bistecche e chips!

Tra un paio di settimane Ivan raggiungerà i nostri ragazzi a Las Vegas, per seguirli e supportarli durante il Main Event. Come lo scorso anno soffrirà con loro e con loro gioirà per ogni mano vinta, raccontandoci con le sue straordinarie doti di cronista e la grande passione per questa disciplina, il cammino del nostro Team nel torneo di poker più bello e avvincente del mondo. Per ora il nostro in bocca al lupo a tutti gli italiani impegnati negli Eventi delle WSOP, con particolare attenzione, naturalmente, per i nostri tre Pro e mi raccomando a voi: fatevi trovare caldi!