Pubblicato il in News

I locali pubblici tirano un sospiro di sollievo!

Dopo le tante sentenze storiche che si sono susseguite negli ultimi mesi, ora tocca al Garante per la Privacy segnare il passo della lunga ed estenuante marcia per la difesa del poker come gioco sportivo e pulito.

 

Una norma troppo “restrittiva” del Decreto Balduzzi, infatti, aveva fatto temere che il divieto di giocare online nei locali pubblici potesse essere interpretato in modo eccessivamente penalizzante per i punti di commercializzazione, ovvero quelle attività che, pur rientrando nel novero dei “pubblici esercizi” e non nella categoria delle sale giochi in senso stretto, mettono a disposizione dei clienti una connessione internet atta ad accedere ai siti di gaming online.

 

Questa la disposizione che, se applicata, avrebbe sicuramente penalizzato i network con reti commerciali diffuse sul territorio a vantaggio delle società “monolitiche” e centralizzate: “È vietata la messa a disposizione presso qualsiasi pubblico esercizio di apparecchiature che, attraverso la connessione telematica, consentano ai clienti di giocare sulle piattaforme di gioco messe a disposizione dai concessionari online, soggetti autorizzati all’esercizio dei giochi a distanza, ovvero da soggetti privi di qualsivoglia titolo concessorio o autorizzatorio rilasciato dalle competenti autorità

 

Oggi il Garante spiazza tutti, stabilendo che i locali pubblici (bar, ristoranti, pub ecc.) possono mettere a disposizione della clientela una connessione internet gratuita e libera, senza aver l’obbligo di registrare i dati degli utenti. Ma soprattutto senza essere responsabili dell’uso fatto dagli stessi.

 

In poche parole: il proprietario di un bar che offre un servizio Wi-Fi libero, non deve tracciare l’utenza e non può ritenersi responsabile dell’attività svolta online (quindi dei siti visitati) dai propri clienti.

 

Un chiarimento tanto atteso quanto ben accolto dai tanti PVR di quei network che proprio della presenza fisica sul territorio e capillarità della rete, ha fatto il proprio tratto distintivo.