Pubblicato il in News

Il senso dell'umorismo del legislatore...

Lo sapevate? In Italia esiste una legge che stabilisce che negli esercizi quali bar, ristoranti, stabilimenti balneare, alberghi, sale scommesse, circoli privati è vietato installare apparecchi elettronici “che distribuiscano vincite in denaro”, se non in concomitanza di quelli “basati sulla sola abilità fisica, mentale o strategica, che non distribuiscono premi”.

 

Secondo quanto prescritto dall’ultimo aggiornamento (datato gennaio 2006) del R.D. 18 giugno 1931, n. 773, chiunque voglia installare una slot, un videopoker o simili nel proprio locale, deve avere, nei limiti e secondo le prescrizioni dalla legge, almeno un calcio balilla, un bersaglio per le freccette, un flipper.

 

Questo servirebbe a diversificare l’offerta e a dimostrare che il bar di turno non è una bisca clandestina per ludopatici. O forse si tratta solo di un servizio socialmente utile: se perdi alle slot, puoi sfogare con le freccette, fingendo che al centro del bersaglio ci sia la faccia del tuo più acerrimo nemico. Oppure puoi scaricare i nervi “rullando” nervosamente con le stecche del biliardino.

 

Tra tante leggi truffa, persecutorie e discriminatorie, per fortuna ogni tanto il legislatore riesce anche a strapparci un sorriso.