Pubblicato il in News

“…and the winner is…”.
Potrebbe sembrare il finale di un sogno funestato dalla digestione, mentre non è escluso possa essere l’esito della serata di gala in programma il prossimo 2 marzo.
Dalla formula di rito, diventata ormai un tormentone utilizzato quasi per ogni premiazione, si intuisce facilmente che il riferimento è alla notte degli Oscar in programma la prima domenica di marzo.
Prima di ricevere i premi assegnati dall’Academy alle migliori opere cinematografiche dell’anno, però, c’è tutto il tempo per individuare i propri attori e film preferiti tra quelli che hanno ricevuto la prestigiosa nomination e che concorrono all’assegnazione della statuetta dorata. Per una community di giocatori assistere ad un evento planetario senza agganciare al proprio gradimento un pronostico, e perché no, una scommessa, sembra davvero impresa ardua. A dare risposta all’esigenza dei giocatori cinefili ci ha pensato il nostro network che attraverso i siti di quote e scommesse ha valutato le principali categorie del Premio Oscar conferendo ad ogni film ed ogni star una propria quota. Sono inseriti nel particolarissimo palinsesto il miglior film, statunitense e straniero, i migliori attori protagonisti e non (divisi per genere), e la miglior regia.
Se è universalmente riconosciuto il fatto che un Oscar può consacrare le carriere dei cineasti, è di certo meno noto che la statuetta possa allietare le giornate degli scommettitori. Così fidando sull’ausilio del nostro ufficio quote e contemporaneamente spulciando un po’ in giro, abbiamo deciso di proporvi le caratteristiche delle principali quote.
Partiamo dal miglior attore protagonista: difficile che la statuetta possa sfuggire a Matthew McCounaghey che per interpretare il suo personaggio in ‘Dallas Buyer Club’ ha dovuto perdere 23 chili. Per lui quota a 1.3 anche se bisogna fare attenzione al più skillato Leonardo di Caprio (quota 8.50) che pur essendo terzo nelle classifiche dei bookmakers può rappresentare l’insidia più ostica.
Come non protagonista maschile, invece, i giochi sembrano chiusi per Jared Leto, spalla di McCounaghey proprio in ‘Dallas Buyer Club’: quota 1.15!
I numeri dicono che nella categoria femminile non dovrebbe mancare l’appuntamento con l’oscar Cate Blanchett (quota 1.10), protagonista di Blue Jasmine diretto da Woody Allen: immediatamente dietro di lei corre Amy Adams quotata a 10.00…
Corsa a due per la miglior attrice non protagonista: Lupita Nyong’o (quota 1.4) e Jennifer Lawrence (quota 3.0). Noi puntiamo sulla prima, autrice di una performance da molti indicata come magistrale nel film ’12 Anni Schiavo’.
E proprio quest’ultimo titolo è il favorito al riconoscimento come migliore film (quota 1.35) davanti a Gravity (4.0), American Hustle (8.0) e The Wolf of Wall Street (25.0): una bella sfida tra i primi due meglio quotati che, nelle varie categorie degli Oscar, hanno ricevuto 10 nomination procapite. Un evento davvero complicato su cui puntare e che probabilmente sarà legato anche all’esito degli altri premi in concorso: difficile che i due film incentrati sulla corruzione dilagante nel sistema americano (American Hustle), e sull’esaltazione del broker d’assalto, fatta da Di Caprio, possano restare completamente a bocca asciutta…
Per gli italiani occhi puntati sulla categoria miglior film straniero, dove da favorito ai blocchi di partenza si presenta ‘La Grande Bellezza’ di Paolo Sorrentino (quota 1.65): impossibile non tifare anche se proprio in questa categoria le distanze registrate negli intertempi sono le più ravvicinate. A tallonare il film italiano c’è ‘Il Sospetto’ di Thomas Vinterberg (2.75), con Mads Mikkelsen noto per aver vestito i panni dell’oppo di James Bond nella partita a Texas Hold’em giocata in Casino Royale. Speriamo in un bluff…
Infine, miglior regia: potrebbe qui trovare un giusto riconoscimento ‘Gravity’ di Alfonso Cuaron (1.15), che dovrà affrontare la concorrenza di Steve McQueen con ’12 Anni Schiavo’ (5.0) e David o’Russell di American Hustle (20.0). Nei prossimi giorni le quotazioni potrebbero variare in relazione alle attese, ma fate attenzione alla vostra scelta che vi darà l’opportunità di entrare nelle nomination, e far seguire un’inaspettata autoproclamazione alla fatidica presentazione (and the winner is…): “anche io”.