Pubblicato il in News, People's Poker Tour, Poker

Michele Lenoci intervistato da Daniele Interrante e Valentina Melis

Michele Lenoci intervistato da Daniele Interrante e Valentina Melis

Michele Lenoci ritorna al People’s Poker Tour con tanto di invito ufficiale…
Il player di Canosa di Puglia, già temprato dai tavoli del PPTour, è l’ultimo vincitore del pacchetto in palio anche ieri sera in lobby: per lui iscrizione al day 1A del Main Event in programma il prossimo 27 marzo, ma anche soggiorno assicurato in hotel e, per non farsi mancare nulla, anche un utile rimborso spese.
Gli ‘all-inclusive’ come quello finito nelle mani di Lenoci sono in palio in lobby dal martedì al venerdì, alle 21.20, mentre, sempre allo stesso orario, la domenica è possibile giocarsi con un buy-in più contenuto la sola iscrizione al Main e, il lunedì, l’ingresso al Runner Side Event da 550. Per tutti i tornei di qualificazione, è bene ricordarlo, sono sempre disponibili satelliti dal valore davvero contenuto.

Richiamati i principali appuntamenti che possono condurre al People’s Poker Tour ed ai tavoli live dove siedono praticamente tutti i protagonisti del texas hold’em italiano, passiamo ad analizzare l’action che ha portato Michele Lenoci, nickname ‘frecciarossa07’, in cima al torneo di ieri sera. Ed iniziamo proprio dalla fine, ovvero dall’identità del runner-up che ha conteso fino all’ultima mano il pacchetto: si tratta di Alfonso Simone, già vincitore di una tappa del PPTour, e attuale detentore del Runner Side vinto proprio nell’ultima uscita live.

Un temibilissimo avversario per Lenoci che ha disputato con Simone un heads up durato quasi mezz’ora, e concluso con esiti ribaltati rispetto a quelli dei nastri di partenza. Quando ‘frecciarossa07’ elimina Latte81, grazie ad un set di 2 arrivato al turn, le chips a disposizione dei due finalisti vedono in leggero vantaggio ‘alfsim’: 111.202 per il giocatore di Telese Terme, contro le 98.798 del pugliese.

La prima mano dell’heads up viene servita all’una e trenta, quando i bui sono 400/800: un colpo poco significativo portato a casa preflop da alfsim, grazie ad un raise da 3.200 da piccolo.
Scaramucce e guerre di bui caratterizzano le primissime fasi del confronto, durante le quali, però, Michele riesce a rosicchiare quanto necessario per colmare il divario, e portarsi in testa alla classifica provvisoria.

Parte da chipleader Lenoci quando si ritrova a dover fronteggiare il raise fino a 2.400 di alfsim che ha appena spillato A9. Per frecciarossa QJ di partenza, e un call da 1.600. Il flop 8TA, viene salutato dal check di Michele e dalla puntata di 2.480 di Alfonso: per Lenoci un possibile incastro che vale la pena inseguire. Più o meno stessa dinamica post turn, quando un 3 riceve il check di Lenoci, la size da 7.440 di Alfonso Simone e il successivo call dell’oppo. Il piatto si aggira sui 24K quando al river scende un 2 che di certo non cambia i valori delle mani. Quel che muta, invece, è l’atteggiamento di Michele che opta per una puntata in bianco da 18.600: call e piatto per Alfonso Simone che si porta a 93K, 116 invece per il suo contendente.

Alfonso Simone prova in ogni maniera a risalire la china ma sul suo cammino trova anche la sorte: un paio di mani iniziate avanti lo vedono cedere le fiches al momento dello showdown finale. Come quando spilla KJ e Lenoci T9. Miniraise di alfsim preflop, call di freccarossa. A9Q, eal check del suo avversario Alfonso risponde con la stessa size utilizzata in precedenza, round chiuso con il call da 1.680 della bottom-pair. Si accoppia il board con la Qche arriva al turn: check-check è il saluto ‘galante’ dei due giocatori. Al river 2, e forse partendo dalla consapevolezzaacquisita in precedenza questa volta è Lenoci ad uscire di 5.040: solo un nice fold per Alfonso Simone.  

Non è retorica se ribadiamo la bellezza di questo scontro a due che non poteva trovare altra conclusione se non nel più classico dei cooler. KQ suited contro coppia di 10. Ma vediamo meglio. I bui ora sono a 500/1.000 e con uno stack progressivamente lievitato a quota 153K è Michele Lenoci a parlare per primo da piccolo, per lui una coppia importante (TT) e un semplice limp. Due suited broadway (KQ) per alfsim che sceglie di alzare il piatto con un +3.000. Reraise a 15.000 di Michele Lenoci e tribet all-in di Alfonso Simone partito con 56K. Un obolo da 39.827 quello che deve ancora versare Lenoci che dall’esito del suo call può ricevere la vittoria finale, o un ritorno al pareggio totale degli stack.

A24-A-4 : questa l’esatta sequenza d’arrivo delle cinque carte del board. In pratica non cambia nulla, tengono i dieci, e il pacchetto lo vince Michele Lenoci: la frecciarossa punta dritto a Campione d’Italia,  per Alfonso Simone discesa obbligata ad una sola fermata dall’arrivo…