Rullo: da Malta a Las Vegas i prossimi appuntamenti

IMG_0970_gianluca_rullo_wm2014Che Gianluca Rullo fosse il vincitore dell’ultimissimo evento legato al campionato People’s to Las Vegas, in particolare di quello che aveva in palio un pacchetto completo per il Main Event delle WSOP, lo abbiamo già annunciato questa mattina. Che il 27enne player di Lanciano decidesse di non cedere il pacchetto ed iniziasse immediatamente l’organizzazione della trasferta oltreoceano, pure era un dato presumibile. Che ai microfoni della People’s Radio il vincitore del ticket da 11.500 euro, potesse restituire tutte le emozioni vissute durante la partita, invece, è una caratteristica propria dei grandissimi.

E allora gli ingredienti ci sono tutti e non resta che tifare per il portabandiera italiano riuscito a conquistare il Main WSOP dopo aver superato un top-field di 115 player. “Sono stati due giorni belli ed importanti – ci ha detto solo qualche ora dopo il successo ottenuto in lobby – mi sono molto divertito nel day1 e l’attesa a 24 left per la ripartenza del torneo è stata particolarmente adrenalinica. Un’ esperienza indimenticabile che mi accompagnerà per tanto tempo”.

Gianluca Rullo per disputare la partita ha deciso di non utilizzare i satelliti: “Ho acquistato direttamente il buy-in anche perché ci tenevo particolarmente a disputare questo torneo. Sono già stato 4 volte alle World Series of Poker e conosco bene il divertimento e le sensazioni che ti può regalare un appuntamento come quello. Se quest’anno ci sarei tornato? Proprio non credo ma adesso le cose cambiano decisamente e credo che potremmo divertirci anche negli eventi più piccoli delle WSOP”. “In questo momento – continua Gianluca – voglio salutare Antonio Bernaudo runner-up dell’evento di ieri sera perché avrebbe assolutamente meritato anche lui miglior fortuna, ma sono davvero tanti gli amici che ho incrociato nel corso della partita, tutti bravi e tutti degni di rispetto. Con Antonio la differenza è arrivata da una mano finale che potremmo definire un semicooler…”.

Ma vediamola nel dettaglio la mano conclusiva della partita. Siamo a blinds 150/300K, Antonio Bernaudo spilla KJ e decide di pushare l’intero stack da 6.814.076, deve chiamare per forza Rullo che, invece, ha trovato AK e versa la posta con la serenità che gli conferisce uno stack da 27.685.924 chips. Il board regala sul river un’emozione ad entrambi ma per Rullo è particolarmente gradita:  394-5-K.

“Abbiamo fatto tanta azione preflop – ci ha spiegato il vincitore – ed è stato un heads-up particolarmente divertente, il tutto é durato circa mezz’ora. All’inizio del testa a testa partivo avanti con un rapporto di 3 a 1, poi siamo arrivati pari stack prima che io riuscissi nuovamente a portarmi in vantaggio e poi a vincere. Devo dire che la struttura era meravigliosa, abbiamo potuto giocare a poker, a differenza di tanti altri eventi che quando durano da troppe ore fanno concentrare tutte la possibilità di action esclusivamente sulle starting hands”.

Alle emozioni e alle reazioni del dopo gara sono dedicate le ultime battute di quello che potremo ribattezzare il ‘nostro uomo a Las Vegas’: “Ora spero di poter rappresentare degnamente a Vegas tutti i partecipanti del torneo. Sono tanti gli amici che  mi hanno chiamato in queste ore… ovviamente insieme agli auguri anche tanti sfottò che tendono a stigmatizzare il risultato: ringrazio tutti quelli che mi hanno voluto dedicare un pensiero”.

A proposito di ringraziamenti, non poteva mancare quello alla fidanzata, Michela!!! Mentre sul piano dei prossimi impegni in calendario c’è spazio anche ad una dedica a chi ha organizzato tutto perché si potesse materializzare questo risultato: “Nei prossimi giorni studierò bene il palinsesto delle WSOP per scegliere quali tornei disputare, ovviamente oltre al Main. Intanto tra qualche giorno c’è il PPTour di Malta e credo proprio che non mi lascerò scappare la possibilità di essere con tutti voi e con gli amici della community”.