Pubblicato il in News

“Il bando di gara sarà un’occasione di accesso al mercato, ma per sperare di avere successo i nuovi operatori dovranno focalizzare al meglio le loro risorse, sfruttando le possibilità di outsourcing. In questo contesto Microgame, dopo l’acquisizione di Active Games sempre più leader nel B2B in Italia, offre una gamma di servizi completa e competitiva, online e offline, che rappresenta una porta d’accesso al mercato regolamentato italiano, in una logica di multicanalità”. Lo ha detto Marco Castaldo, General Manager di Microgame, nel corso del seminario “Italy Briefing” in corso oggi all’ICE Totally Gaming a Londra. Tale assetto ha portato benefici evidenti all’azienda: “Il network dei concessionari serviti da Microgame è cresciuto del 23% in termini di ricavi lordi nel 2016, soprattutto grazie all’offerta locale”. Da non sottovalutare, infine, “il valore competitivo di reti terrestri quali strumenti di affiliazione di giocatori online. Questo asset può fare la differenza e la sua mancanza rappresenta una ulteriore barriera all’ingresso per nuovi operatori di gioco online”. NT/Agipro