Pubblicato il in Generiche, News, Poker, Press Area

E’ sempre all’opera il Burbero del poker. Matteo Impagliatelli continua, anche lontano dal clamore mediatico che ha caratterizzato tantissime sue uscite, l’azione di sostegno costante ai meno fortunati.

Arcinota la sua propensione ad essere parte attiva delle campagne a supporto dei meno abbienti, uno dei suoi ultimi progetti continua a far parlare di sé. Si tratta della Casa Arcobaleno, struttura allestita a San Giovanni Rotondo, comune di residenza del Burbero, dove possono trovare asilo ed accoglienza i parenti dei giovanissimi degenti delle strutture sanitarie del centro in provincia di Foggia.

E proprio dal capoluogo pugliese arriva l’ultimo carico di solidarietà preso in consegna da Matteo. Si tratta di una famiglia particolarmente numerosa rimasta senza una fissa dimora. Impossibilitati ad offrire una sistemazione in via ufficiale, gli organi istituzionali del comune pugliese hanno provato ad assistere sul piano personale questa famiglia, senza riuscire ad assicurare una soluzione stabile che andasse oltre un ricovero presso locali normalmente adibiti ad uso ufficio.

Qui entra in gioco il Burbero che da ‘buon amatore’, chiamato in causa per una possibile soluzione, ha rilanciato senza nemmeno guardare le carte. Giunto a Foggia ha dirottato l’intera famiglia, genitori e cinque figli, presso la Casa Arcobaleno. Uno strappo alle regole che disciplinano la vita della sua struttura, dovuto alle necessità impellenti del nucleo familiare.

Da qualche giorno il nucleo familiare è sistemato nel ricovero di San Giovanni Rotondo, assistiti e guidati da Matteo i sette ospiti hanno già calamitato le attenzioni, la solidarietà e l’amicizia di una comunità da sempre votata all’accoglienza. Il rischio, però, è che la sovrapposizione tra le esigenze possa anche se temporaneamente sottrarre la Casa Arcobaleno all’originale funzione per cui è stata pensata.

Allora, anche in assenza di una sua specifica richiesta, fa piacere dedicare al Burbero e alla sua causa, sostenuta da Microgame come da tantissimi protagonisti del circuito pokeristico nazionale, attenzione e visibilità perché lo sforzo, complicato da sopportare per un singolo, possa trasformarsi in un’azione condivisa.