Pubblicato il in generiche, News, Press Area

Gli investimenti del gruppo Microgame continuano su tutti i fronti. L’azienda italiana, leader nel segmento del gaming, annuncia di avere affidato a Var Group e al suo centro di competenza per la cybersecurity Yarix, la definizione della propria strategia di sicurezza. Grazie a questa collaborazione, Microgame oggi può avvalersi di un SOC Security Operations Center, unico in Italia, che grazie a consulenti esperti,  tecnologie evolute e  processi certificati, permette di monitorare in maniera proattiva i rischi di cyber security, gestendoli in termini di prevention, identification e reaction.
Var Group, grazie alle competenze sviluppate dal team Yarix, è l’unica azienda privata in Italia ad essere membro del FIRST, prestigioso organismo internazionale che riunisce i CERT (Computer Emergency Response Team); vanta collaborazioni eccellenti e laboratori di ricerca e sviluppo sia in Italia sia in Israele e un SOC, attivo H24x7x365 che dispone di tutte le misure di sicurezza fisica, biometrica di ultima generazione che da oggi saranno a disposizione per la difesa delle infrastrutture di Microgame. Un ulteriore investimento che va ad aggiungersi ai numerosi già realizzati, come quello appena effettuato con il Provider di connettività, per rendere imbattibile il grado di sicurezza degli operatori e degli utenti.
“Abbiamo un obiettivo ambizioso – ha dichiarato Marco Castaldo, Direttore Generale di Microgame Group – continuare a garantire l’affidabilità e la sicurezza dei nostri clienti e dei loro giocatori. Affiancare dei professionisti come Var alla nostra struttura è un passo ulteriore verso il raggiungimento del nostro obiettivo”.
“Siamo orgogliosi di essere partner di Microgame Group – ha affermato Francesca Moriani, Amministratore Delegato di Var Group – i nostri investimenti nell’area della cybersecurity sono importanti sia in termini di infrastrutture sia di competenze, e per noi essere scelti da un’azienda leader rappresenta un importante riconoscimento”.
“Un approccio reattivo di difesa contro i cyber attacchi risulta inadeguato nell’attuale scenario – ha infine sottolineato Mirko Gatto, Amministratore Delegato di Yarix”. “Il settore e-gaming è diventato un obiettivo d’interesse per i criminali informatici e richiede la capacità di rilevare minacce nuove e in continua evoluzione. Serve un approccio multilivello e predittivo alla cyber security e il monitoraggio della rete in modo da scoprire elementi anomali anche in assenza delle tipiche forme di identificazione come le firme dei malware o le segnalazioni delle reti di threat intelligence”.
RED/Agipro