Pubblicato il in News, Poker, Press Area, Promozioni

Il King è la versione più ricca del Super Sunday, il domenicale di People’s Poker. Il torneo particolarmente apprezzato dagli appassionati del Texas hold’em, sarà in lobby domenica prossima con un garantito da 50.000 euro.
L’evento è associato all’immagine di Filippo Bisciglia, volto noto della TV e testimonial ufficiale del provider Microgame. Filippo, talentuoso e simpaticissimo personaggio dello spettacolo, è super skillato nel Texas hold’em ed ha più volte dato prova delle sue competenze, negli eventi live come sull’online. Proprio sfruttando la sua duplice veste di uomo immagine e poker player, prima che venga assorbito dalla quarta edizione di ‘Temptation Island’, gli abbiamo chiesto un parere sulla prossima uscita del King. Il risultato è interessante quanto divertente, visto che la simpatia di Filippo riesce a comunicare velocemente anche concetti ostici ai meno esperti.
“Il King è come me – è l’esordio di Bisciglia – fa divertire, tiene alta l’attenzione, distribuisce tanti soldi (tutti sanno che io ho le mani bucate) e non stanca mai. Battute a parte – motiva ancora Filippo – mi piace l’idea che il torneo sia diviso su due day: non solo perché evita maratone notturne ma anche perché rende molto più importante e prestigiosa l’intera struttura. A proposito di quest’ultima, credo che un po’ tutti i giocatori esperti la considerino nella fascia topo dei tornei italiani: per me è eccellente sia la consistenza dei livelli che il timing delle pause”.
Poi Filippo passa ai consigli: “L’idea di fermarsi ad un solo re-entry, mette il giocatore nella condizione di essere sempre attento alla gestione dello stack. Certo, è importante fare tanta legna sin da subito ma per chi ama saltare i primissimi livelli, tre ore di late registration sono un ottimo accorgimento”. “Strategie vincenti in assoluto non ne esistono – conclude Filippo Bisciglia – molto dipende dai giocatori che ci si ritrova al tavolo. Senza dubbio il suggerimento più utile, soprattutto per gli amatori, è provare a conquistare il buy-in del torneo con un satellite: non è detto che così si vinca ma sicuramente si limitano le perdite ed inevitabilmente cresce il divertimento. D’altra parte questa è anche un po’ l’essenza della proposta People’s Poker che da sempre rappresenta il poker della gente”.
RED/Agipro