Pubblicato il in News

costa rica

 

 

Un’immagine del video

che testimonia come le indagini

sulle “.com” continuino.

Clicca sull’immagine per vederlo.

 

 

 

La scorsa settimana gli uffici di Pokerstars, Absolute Poker e Ultimate Bet in Costa Rica sono stati perquisiti venerdì dalla polizia locale, l’Organismo de Investigaciones Judiciale, come conseguenza delle indagini successive al Black Friday, il 15 aprile di quest’anno. Pare che il fine principale delle autorità costaricane fosse quello di intercettare i proprietari di Absolute Poker ed UltimateBet.  Non è chiaro il motivo per cui anche l’ufficio di Pokerstars sia stato preso di mira, tuttavia con una nota stampa Pokerstars ha tentato di chiarito la situazione: “i funzionari governativi del Costa Rica oggi hanno visitato il centro servizio clienti di PokerStars in Costa Rica al fine di esaminare le operazioni.  Per quanto riguarda invece Absolute Poker, è intervenuta la Blanca Games, la società detentrice della rete Cereus, di cui fa parte la nota poker room, rilasciando una dichiarazione ufficiale che nega le indiscrezioni che la davano sull’orlo del fallimento, pur ammettendo però un significativo ridimensionamento del personale e degli obiettivi di mercato. Intanto i consulenti legali della società continueranno questa settimana i dibattiti con l’ufficio del Procuratore degli Stati Uniti per formalizzare al  più presto l’accordo che dovrebbe facilitare il ritorno dei fondi ai giocatori degli USA e chiudere almeno uno dei tanti capitoli di questo libro dal finale per molti incerto.

®