Pubblicato il in News, People's Poker Tour, Poker

img_0874-salvatore-amitranoAltro che ciuchino, Salvatore Amitrano ha evidentemente scelto un nickname capace di fornire falsi tells agli avversari. Il player di Sorrento, già itm in una tappa del People’s Poker Tour, è l’ultimo vincitore in ordine di tempo del pacchetto all-inclusive per Campione d’Italia. Ieri sera una partita spettacolare lo ha visto primeggiare nella conquista di un ticket che, comprensivo di buy-in, soggiorno e rimborso spese, vale 1.800 euro.

Amitrano, dunque, il prossimo 27 marzo sarà seduto ai tavoli più importanti dell’evento live, ma per prendere posto ha dovuto superare non pochi ostacoli. Particolarmente emozionanti ma altrettanto ricche di insidie, alcune delle mani che hanno caratterizzato il satellite online di ieri sera.

La cronaca non può che partire da un colpo, non giocato da ciuchino, dove a scontrarsi sono stati due punti importantissimi. I bui sono a 600/1.200, e da bottone è erminio1972 che con J2 e quasi 94K di stack, mette 3.600 chips nel piatto, inducendo ciuchino, che invece di chips ne aveva solo 30mila, a foldare il suo poco entusiasmante 92. Nel colpo ci entra magreano che con K7 e 92K, da BB flatta. Il propellente all’incendio che divamperà di lì a poco arriva dal flop: 857 e colore già chiuso per entrambi i player. L’action che si sviluppa è la seguente: magreano esce con un +4.080 e raise di erminio fino a 12.240. Magreano, poi, lancia una piccola esca tribettando fino a 16.320: un boccone che appare troppo ghiotto a erminio che pusha resti. E’ instant il call di magreano alla fourbet dell’avversario: show down con amara sorpresa per erminio. Quarta e quinta strada senza miracoli: 8, Q, ed erminio resta con meno di un BB.

Sarà ancora magreano a portargli via le ultime 1.168 chips quando nella mano successiva il suo 86 di partenza si misurerà con l’A9 di erminio. Il board, 8J2-7-6 chiude la partita di erminio e spedisce magreano all’heads-up finale con 187.484 chips. Ciuchino, invece, parte con 30.016, ovvero meno di un sesto del suo oppo.

Ci vorranno circa 40 minuti, ma alla fine i rapporti di forza cambieranno e per iniziare la ‘remuntada’ è ancora un super-colore a farla da protagonista, proprio nella primissima mano dell’haeds-up. Magreano spilla K5 e opta per un miniraise. La risposta di Amitrano sembra una spewata: all-in. Chiama magreano che allo showdown trova AJ di ciuchino, e sul board tre carte di fiori che equivalgono alla prima riduzione di stack: 23Q-5-8.

La ruota gira e progressivamente cambiano anche i valori degli stack che, prima si avvicinano e poi mutano letteralmente la propria consistenza. E’ magreano ad avere solo 39K quando viene servita l’ultima mano che parte per lui con Q5. I bui ora sono a 1.250/2.500 e ciuchino da piccolo si appoggia semplicemente pur essendo pieno, che più pieno non si può: per lui AAdi partenza. Check di magreano da BB e sul flop arrivano AQJ. Con bottom-pair magreano prova a non forzare e mette dentro 2.750, semplicemente chiamate da Amitrano che continua con lo slow play. Il turn è ancora la dimostrazione di quanto possa essere crudele questo gioco: Q, e se per magreano significa tris, Amitrano chiude addirittura un full, eventualmente superabile solo dall’ultima dama rimasta nel mazzo. Nonostante tanta abbondanza i due player scelgono la strada del check-check. Al river non solo non si fa vedere la donna ma, come se non bastasse il vicolo cieco già imboccato da magreano, arriva anche il 5: anche lui chiude il full che lo induce ad uscire di Pot. Ancora 11K da versare per ciuchino che a sua volta sceglie la strada di un beffardo +11K, al quale fa da eco la tribet di magreano che ne mette ancora 11K. Al successivo +11K di ciuchino, magreano è ipercommittato e versa le ultime 616chips. Insieme agli ultimissimi spiccioli del suo avversario il player di Sorrento prende il pacchetto completo e, di sicuro non a dorso di mulo, è pronto a raggiungere Campione.