Pubblicato il in News, People's Poker Tour, Poker

img_1487-maurizio-saievaDa Cinisello Balsamo fino ad Agrigento, con una sosta a Riccione. Il week-end della lobby è stato particolarmente ricco di impegni e di luoghi diversi dello Stivale dove distribuire i premi dei vari tornei. Venerdì i primi due appuntamenti che hanno regalato premi importanti tra Nord e Sud: il Big One vinto da Maurizio Saieva, storico amico della piattaforma People’s, e che ad ogni tappa dell’evento live non manca di esportare un po’ della solarità della sua Agrigento; l’altro, il pacchetto all-inclusive che sempre venerdì è stato spedito all’indirizzo di Pietro Corbo di Cinisello Balsamo. Per il player della provincia di Milano il solito trattamento comprensivo di buy-in per il Main del PPTour, oltre ad ‘annessi e connessi’ per un controvalore complessivo di 1.800 euro.

Ieri sera, invece, il PPTour ha messo in cima al payout online il pacchetto slim che consente l’iscrizione all’evento principale lasciando a carico degli interessati le modalità di sistemazione e viaggio. A vincerlo ci ha pensato Mattia Papotti di Riccione, protagonista di una bella partita conclusa con un heads-up tra i più equilibrati visti di recente.

Terzo classificato è stato il giocatore con il nick sniper88: per lui fatale un all-in lanciato preflop con un A2 e coperto dal runner-up dell’evento, chaika, che con KQ trova sul board (T3Q-9-5) una donna decisiva per la vittoria.

All’inizio del confronto a due, gli stack vedono miwank, questo il nick di Papotti, davanti a chaika: 94.140 per il chipleader contro 75.860 dello sfidante. Ma nei venti minuti durante i quali si sono consumati gli scontri tra i due, non sono mancati i capovolgimenti di fronte… Il primo arriva quando i bui sono a quota 600/1.200 e con uno stack sceso a 57.380 chaicka entra nel colpo con 65 mentre da grande buio il chipleder  opta per il check con A3, per lui 112.620 chips. Sul flop arrivano subito tre carte premio per il runner up che pesca la top ed un interessante progetto di bilaterale: 543. Check di miwank, bet dello SB fino a 2.640, raise a 6.480 e call di chaika. Il 4 al turn consegna la top-two al runner up, e questa volta è direttamente miwank, anche lui con doppia, a sagomare la size: +7.800 chips, a cui si appoggia l’oppo. Stessa action al river, scende Jela size è da 15.600. Semplice call di chaika che vince il colpo e supera il suo avversario: 88.580 a 81.420, la partita è dunque apertissima…

La lotta per la supremazia viene condita anche da colpi difficilmente parabili, come quando a misurarsi sono due colori. Bui invariati, e da piccolo con 63 miwank copre il BB seguito dal check di chaika che ha spillato 54. Flop 77Q: check del BB, miniraise per miwank e call a chiudere il round. Sul turn trovano una chiusura entrambi i player, il J viene salutato ancora con un check del BB cui fa seguito il +3.780 di miwank ed il call finale di chaika. River bianco con 2 e ancora check del grande, +9.450 di miwank e call a seguire. La mano finisce con miwank di nuovo chipleader a 92.5K e chaika dietro a circa 77K.

Pochi minuti ed è subito final-hand: il colpo conclusivo viene servito quando le poste obbligatorie sono a 800/1.600. Miwank primo a parlare preflop arriva fino a 3.200, raise X4 di chaika che tocca quota 12.800. Non ci pensa troppo miwank che per tutta risposta pusha resti seguito dal call dell’oppo. Allo showdown in mostra due mani importantissime: AA per miwank e AT per chaika. Il flop tiene accese le speranze di chaicka che trova prima 788 e poi un 9 sulla quarta. Servirebbe un 6 o un J al river per imboccare la scala …che conduce al PPTour.
Arriva invece una Q, la stessa che gli aveva consentito di eliminare il terzo classificato e disputare l’heads-up finale. Questa volta la dama è sinonimo di eliminazione, il ticket va a Riccione insieme all’ennesima dimostrazione della profonda variabilità delle donne….